diredonna network
logo
Galleria: 20 storie di lesbiche, gay, bisessuali e transessuali che si mettono a nudo

20 storie di lesbiche, gay, bisessuali e transessuali che si mettono a nudo

20 storie di lesbiche, gay, bisessuali e transessuali che si mettono a nudo
Foto 1 di 22
x

Tutto per lui è cominciato dopo quel giorno terribile, quella drammatica sparatoria al Pulse, il locale gay di Orlando dove, nel giugno del 2016, furono uccise a colpi d’arma da fuoco 50 persone, mentre altre 53 furono ferite.

Persone, al di là di ogni etichetta sessuale. Persone che avevano famiglie, amanti, genitori, e la cui unica colpa quel pomeriggio è stata di essersi ritrovati, in quel locale, stavolta però sotto il tiro impietoso di un pazzo criminale.

Edward, morto per salvare il fidanzato, Luis di Harry Potter: storie e volti delle vittime di Orlando

Edward, morto per salvare il fidanzato, Luis di Harry Potter: storie e volti delle vittime di Orlando

Da quel momento Josh Feeney, fotografo di Sidney, ha avuto l’ispirazione per realizzare My People My Tribe, un bellissimo progetto fotografico che raccoglie le storie più intense, più emozionanti, della comunità LGBT. Lui non era presente alla sparatoria, ma sentire di quel massacro compiuto in nome dell’odio, dell’intolleranza, per la non accettazione verso chi è giudicato “diverso” lo han impressionato a tal punto da fargli decidere di buttarsi a capofitto nell’idea.

L’amore è amore ed è stupendo così, indipendentemente dall’orientamento sessuale della persona, proprio come ci mostra questo video:

Love is love e chiunque si ama si bacia!

Ha cominciato dapprima chiedendo ai membri della sua città, di Sidney, di prestarsi per aiutarlo nella realizzazione, spogliandosi -letteralmente- di tutto, e mettendosi a nudo non solo fisicamente, ma soprattutto spiritualmente, moralmente. Pian piano, però, il progetto si è allargato, e ha coinvolto soggetti provenienti da ogni parte del mondo, arrivando a fotografare 1000 persone diverse. Il perché di questa idea Josh lo spiega con tutta la semplicità di questo mondo:

Sono stato ispirato dalla capacità e dalla volontà della comunità LGBT di unirsi e di lottare assieme contro l’odio. C’è un modo di dire che recita ‘Non puoi odiare qualcuno di cui conosci la storia’, e io ho scelto di raccontare le loro il prima possibile.

La serie fotografica, postata sulla pagina Instagram dell’artista sotto l’hashtag (mai più veritiero di così) #BareNakedTruth, ovvero la “nuda e cruda verità” è stato utilizzato per promuovere il Mardi Gras Gay e Lesbico di Sidney quest’anno, la parata che si svolge annualmente nella città australiana e che, diversamente da come il nome potrebbe far pensare, non ha luogo né durante il Carnevale né di martedì; il suo nome è mutuato dall’evento che si celebra ogni anno a New Orleans. In questa edizione vi hanno preso parte anche tutte le persone fotografate da Josh.

È stato così bello e interessante venire a conoscenza di storie diverse in momenti diversi- ha raccontato Josh- ed essere capace di far uscire fuori tematiche diverse da persone diverse.

Già, persone. La cui bellezza è raccontata perfettamente nelle meravigliose fotografie in bianco e nero di Josh; noi ne abbiamo scelte 20, davvero significative ed emozionanti.