diredonna network
logo
Galleria: Brangelina, fine di un sogno: la lettera di Brad Pitt, l’isola in regalo, i figli, la malattia, l’amore in 14 scatti

Brangelina, fine di un sogno: la lettera di Brad Pitt, l’isola in regalo, i figli, la malattia, l’amore in 14 scatti

Brangelina, fine di un sogno: la lettera di Brad Pitt, l'isola in regalo, i figli, la malattia, l'amore in 14 scatti
Foto 1 di 14
x

Un divorzio è sempre estremamente difficile da affrontare, sia che tu sia dalla parte di chi lo richiede che di chi lo “subisce”. Perché, dopo tutto, mettere il punto ad una storia d’amore è sempre molto doloroso, e questo vale per tutti, star comprese.

Ha immediatamente fatto il giro del mondo la notizia del divorzio -scioccante- di Angelina Jolie e Brad Pitt, i due bellissimi di Hollywood, insieme da ben 12 anni, di cui 2 passati da coppia sposata. Lanciata per prima da Timz, che ha fatto riferimento ai documenti di separazione presentati da lei, la notizia bomba è stata ufficialmente confermata dal team di legali dell’ex Lara Croft, che ha laconicamente motivato la decisione con un classico “Abbiamo differenze inconciliabili”.

Cancellate quindi le parole al miele di fine 2015, in cui Angelina diceva:

“Sono impaziente di invecchiare, perché lo farò con mio marito. Siamo fortunati perché vedremo la bellezza di ogni nostro futuro cambiamento”

La coppia d’oro di Hollywood, dopo mesi in cui le voci si sono rincorse e il gossip si è letteralmente scatenato (spesso a vuoto), è infine giunta al capolinea. Naturale ed immediata la reazione del Web, che ci ha scherzato un po’ su soprattutto immaginando la reazione dell’ex signora Pitt, Jennifer Aniston, e alla quale anche noi ci siamo unite, ma sta di fatto che, con il divorzio dei “Brangelina” si chiude davvero un’epoca.

La fine di una storia d’amore che ha fatto sognare tanti, indignare moltissimi (per il tradimento alla fidanzatina d’America Jen) e che è comunque andata avanti per la sua strada sfidando tutto e tutti, mettendo insieme sei figli e una quantità di successi indescrivibile, segna anche la fine di un sogno hollywoodiano. E, dopo tutto, noi non possiamo esserne un po’ tristi, ironia a parte.