diredonna network
logo
Galleria: “Per loro è tardi, ma scatta perché gli altri vedano”: i manicomi italiani prima della legge Basaglia

“Per loro è tardi, ma scatta perché gli altri vedano”: i manicomi italiani prima della legge Basaglia

"Per loro è tardi, ma scatta perché gli altri vedano": i manicomi italiani prima della legge Basaglia
Foto 1 di 21
x

Nel ’77 in Italia c’erano ancora i manicomi. Se oggi non ci sono più è merito di Franco Basaglia, medico e docente universitario, che per vent’anni ha combattuto affinché queste strutture chiudessero per sempre.

Quando è entrato per la prima volta nell’ospedale psichiatrico di Gorizia, di cui è stato il direttore, si è trovato di fronte a una realtà scioccante. Pratiche come l‘elettroshock e l’uso della camicia di forza venivano adottate normalmente. “Un malato di mente entra nel manicomio come una persona – ha dichiarato più tardi – per diventare una cosa“.

L’unica esperienza paragonabile era il carcere, che Basaglia una volta aveva conosciuto. Come riportato nel volume Conferenze Brasiliane:

Quando entrai per la prima volta in una prigione ero studente in medicina. Lottavo contro il fascismo e fui incarcerato. Mi ricordo della situazione allucinante che mi trovai a vivere. Era l’ora in cui venivano portati fuori i buglioli dalle varie celle. Vi era un odore terribile, un odore di morte. Mi ricordo di aver avuto la sensazione di essere in una sala di anatomia dove si dissezionano i cadaveri.

Quattro o cinque anni dopo la laurea, divenni direttore di un manicomio e, quando entrai là per la prima volta, sentii quella medesima sensazione. Non vi era l’odore di merda, ma vi era un odore simbolico di merda. Mi trovai in una situazione analoga, una intenzione ferma di distruggere quella istituzione. Non era un problema personale, era la certezza che l’istituzione era completamente assurda, che serviva solamente allo psichiatra che lì lavorava per percepire lo stipendio alla fine del mese.

Nel 1977 Franco Basaglia ha incontrato Raymond Depardon, reporter francese, e l’ha pregato di fotografare la realtà nei manicomi italiani. “Se non lo fai non ci crederanno. Per questi pazienti è troppo tardi, non c’è nulla che possiamo fare per loro. Ma scatta perché gli altri vedano“.

"Vi mostro la depressione: guadatela in faccia. Non ha un solo volto"

"Vi mostro la depressione: guadatela in faccia. Non ha un solo volto"

Iniziando dal manicomio di Trieste, Depardon ha cominciato a visitare diversi ospedali psichiatrici italiani per un periodo durato cinque anni. Queste sono alcune delle immagini che ha raccolto. Nel 1978 Franco Basaglia è riuscito, insieme ad altri medici, a far approvare quella che poi è diventata la legge 180, che ha portato alla chiusura definitiva dei manicomi. Giustamente, tutti la conoscono come “Legge Basaglia”.