diredonna network
logo
Galleria: “Sì, mi voglio”: è Laura la prima sposa single d’Italia

“Sì, mi voglio”: è Laura la prima sposa single d’Italia

"Sì, mi voglio": è Laura la prima sposa single d'Italia
Foto 1 di 12
x

C’erano l’abito bianco, il bouquet, le damigelle, la festa e l’emozione dei partecipanti; non è mancato davvero nulla al matrimonio di Laura, tranne… lo sposo.

E non perché il fortunato prescelto all’ultimo ci abbia ripensato e sia fuggito a gambe levate tipo Julia Roberts in Se scappi ti sposo, ma proprio perché così ha voluto la sposa.

Laura Mesi, bellissima istruttrice di fitness di Lissone, nella provincia di Monza e Brianza, del resto lo aveva sempre detto ai genitori e agli amici: “Se entro i 40 anni non trovo un fidanzato, mi sposo da sola“. E, visto che il fatidico “giro di boa” è arrivato, di conseguenza sono arrivate anche le nozze… da single.

Frasi auguri matrimonio: 3 idee per essere originali

Frasi auguri matrimonio: 3 idee per essere originali

Benché il suo matrimonio non abbia alcun valore civile e religioso, però, si è trattato di una celebrazione vera e propria, con tutto ciò che questo comprende, dall’abito al banchetto, passando per le fedi… e il viaggio di nozze.

L’idea di Laura, però, non è del tutto nuova: già il primo maggio 2017 si era celebrato, a Napoli, il primo matrimonio single e in questo caso si era trattato di uno sposo, Nello, un parrucchiere di Sant’Antonio Abate che, per celebrare le nozze con se stesso, aveva scelto nientemeno che a La Sonrisa, il sontuoso castello del Il boss delle cerimonie.

Laura però dice che quest’idea le balenava nella testa già da diverso tempo, e così alla fine anche il suo matrimonio è diventato realtà. Che sia la nuova frontiera dei single, mostrare a tutti di stare bene così e che non è affatto necessario un partner per avere una vita completa e piena?

Attenzione però: l’esperienza, sottolinea Laura anche sulla pagina Facebook creata proprio per raccontare la sua avventura, non è per tutti: “Ci vogliono una certa disponibilità economica,  il sostegno di chi si ha intorno e soprattutto un pizzico di follia“.

Beh, tanti auguri!