diredonna network
logo
Stai guardando: “Una persona con sindrome di Down ha bisogno di essere massaggiata da un gatto?”

14 cose talmente trash che ci faranno dire "Le voglio!"

Gli aperitivi per vere signore: Mimosa e Bellini

Che mondo sarebbe senza Nutella... bianca (e come prepararla)

"Come si diventa (davvero) travel blogger mollando un lavoro noioso a tempo indeterminato"

Ora anche Ken ha tanti nuovi corpi e look diversi

Kate e William: "E vissero felici e contenti"... Forse

Questa ragazza dice di essere la sosia di Emma Watson

ScanMaker, l'evidenziatore che scannerizza (e traduce) quello che sottolinei

Love is love e chiunque si ama si bacia!

Vita dura per i super eroi: tartarughe e bicipiti costano fatica

"Una persona con sindrome di Down ha bisogno di essere massaggiata da un gatto?"

Ma quali "bisogni speciali"? Questo è quello di cui ha bisogno chi è affetto da Sindrome di Down. Cosa c'è di speciale?

Prossimo video

"Le donne sono deboli e meno intelligenti: è giusto guadagnino di meno" la frase shock dell'Europarlamentare

Annulla

Nella giornata dedicata alla Sindrome di Down, l’associazione CoorDown – Coordinamento Nazionale Associazioni delle persone con sindrome di Down – presenta la campagna internazionale Not Special Needs Just Human Needs.

Un video, realizzato da Wayne McClammy, con protagonista Lauren Potter, l’attrice con sindrome di Down che ha interpretato il ruolo di Becky Jackson in Glee, e con la partecipazione di John McGinley, il dottor Perry Cox in Scrubs.

Un video in cui le persone nate con un cromosoma in più esprimono i loro bisogni (e diritti): istruzione, lavoro, opportunità, amici e amore. Nessun bisogno particolare o, come spesso viene scritto riguardo alle persone con sindrome di Down, nessun bisogno speciale. Le persone con sindrome di Down non chiedono nulla di straordinario, solo che vengano rispettati i loro diritti, senza discriminazioni.

Mai visto una persona con sindrome di Down chiedere di mangiare uova di dinosauro o essere massaggiate da un gatto?

Il nostro obiettivo – spiega Sergio Silvestre presidente di CoorDown Onlus – è quello di contribuire a un cambiamento profondo di atteggiamento verso le persone con sindrome di Down e più in generale verso il mondo della disabilità. Vogliamo dare ai nostri ragazzi opportunità e strumenti che possano garantire loro un futuro sereno e siamo convinti che debbano essere loro stessi a rivendicarlo facendo sentire direttamente la propria voce.

Gli hashtag ufficiali della campagna sono: #NotSpecialNeeds, #WDSD17.

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...