diredonna network
logo
Stai guardando: Video straziante di Sinead O’Connor: “Sono sola. Le malattie mentali sono come la droga”

Video straziante di Sinead O'Connor: "Sono sola. Le malattie mentali sono come la droga"

Sinead O'Connor parla della sua malattia mentale e delle difficoltà a cui ha dovuto far fronte: un video doloroso che si mostra come la malattia mentale possa davvero distruggere la vita.

Prossimo video

"Mi vuoi sposare?": l'emozionante proposta di Eleonora a Stefania di m2o

Annulla

Un video straziante quello pubblicato dalla cantante irlandese Sinead O’Connor sulla sua pagina Facebook, dopo un anno intero lontana dai riflettori.
La donna, a cui è stato diagnosticato un disturbo bipolare (così come si legge sul quotidiano online inglese Indipendent), confessa pubblicamente il suo disturbo e spiega di come sia arrivata a perdere la custodia del figlio di 13 anni.

Nelle immagini Sinead O’Connor è in lacrime e palesemente distrutta da una malattia mentale che da tempo ormai fa parte della sua quotidianità e per la quale, più volte, ha minacciato di suicidarsi.

Sono completamente sola, non c’è nessuno nella mia vita.

Io sto combattendo e combattendo e combattendo come milioni di persone fanno ogni giorno.

Se fosse stato per me io sarei già andata, sarei tornata da mia madre.

Perché io ho vissuto su questa terra per due anni da sola a causa dei miei maledetti problemi mentali e mi fa arrabbiare sapere che nessuno si sia mai preso cura di me.

Dice la alla telecamera, rimanendo seduta sul letto di una camera d’albergo nel New Jersey, luogo in cui sta vivendo in questo terribile momento.
Sinead O’Connor ammette che nessun membro della sua famiglia, nel corso degli anni in cui ha scoperto il suo disturbo, si sia mai preso la briga di assisterla o farle sentire la sua vicinanza.

La donna, che ha avuto quattro figli da quattro uomini diversi, in uno dei suoi ultimi post parla della sua malattia mentale come se fosse una droga.
Per questo motivo, attraverso questo suo ultimo e straziante messaggio, spera di poter essere d’aiuto per tutti coloro che, come lei, combattono contro questo triste disturbo.