logo
Galleria: 7 cose che il tuo ciclo mestruale dice su di te e sul tuo stato di salute

7 cose che il tuo ciclo mestruale dice su di te e sul tuo stato di salute

7 cose che il tuo ciclo mestruale dice su di te e sul tuo stato di salute
Foto 1 di 8
x

Si sa, il ciclo mestruale non piace a nessuna donna del mondo: ci si sente brutte, goffe, grasse, gonfie, piene di brufoli e inadatte con qualunque abbigliamento, per non parlare poi dei crampi alla pancia, dell’umore tendente al nero, del terrore di sporcarsi i vestiti e della scorta di assorbenti con cui dobbiamo necessariamente viaggiare per essere sempre pronte al cambio. Insomma, i segnali inequivocabili del ciclo sono davvero moltissimi e noi abbiamo voluto raccogliere i principali in questo video:

I 10 segnali inequivocabili del ciclo: voi quali avete?

Non esiste donna che non invidi, in quei giorni, gli uomini… senza sapere che la scienza, smentendoci clamorosamente, sembra ormai aver appurato che anche il sesso forte abbia tutti i sintomi della sindrome premestruale! Eppure, per quanto fastidiose, dolorose, seccanti, le mestruazioni, esattamente come ogni altra cosa nel nostro corpo, possono fornirci informazioni davvero estremamente preziose sul nostro stato di salute, come conferma un articolo di Cosmopolitan, basato sulle illustrazioni della disegnatrice Megan Tatem, che ci ha parecchio incuriosite.

Addio agli spot televisivi palesemente fasulli, le donne durante il ciclo sono ben diverse da ciò che ci mostra la tv…

Gli spot degli assorbenti mentono: ecco tutta le verità sulle donne con il ciclo!

Già, non esiste un ciclo mestruale uguale per tutte, e anche ogni singola donna sulla faccia della Terra può notare cambiamenti consistenti nel proprio flusso, anche a distanza di poco tempo: mestruazioni irregolari, cicli improvvisamente abbondanti o, al contrario, leggeri, coaguli e un diverso colore del sangue sono tutti segnali che, se notati, non devono e non possono assolutamente essere ignorati, perché possono darci davvero indicazioni importanti, facendo suonare eventualmente un “campanello d’allarme” e spingerci a chiedere approfondimenti al nostro medico.

Disturbi come la PCOS (la sindrome dell’ovaio policistico), polipi, fibrosi o endomestriosi possono tranquillamente essere diagnosticati e tenuti sotto controllo, ma tutto deve partire da un esame attento del flusso. Non è affatto necessario ricorrere a rimedi drastici, come bloccare il ciclo, nella speranza di non soffrire più, ma è davvero importantissimo non sottovalutare il ciclo mestruale e, soprattutto, i cambiamenti che possono esserci da un mese all’altro: anche la ginecologa Sara Twogood, della clinica Keck Medicine of USC e fondatrice LadyPartsBlog.com consiglia di tenere sempre sotto controllo il proprio flusso, rivolgendosi al medico per eventuali stranezze o irregolarità.

Nessuna vergogna e nessun imbarazzo, se notate una delle 7 cose elencate nella nostra gallery correte subito a fare una bella visita di accertamento!