logo
Galleria: Humanae: 200 sfumature di pelle e di bellezza

Humanae: 200 sfumature di pelle e di bellezza

Humanae: 200 sfumature di pelle e di bellezza
Foto 1 di 29
x

Humanae è un originale progetto visivo work in progress ideato dalla fotografa brasiliana Angélica Dass che ha come obiettivo l’abbattimento delle barriere razziali per dimostrare che la diversità è una ricchezza e che l’etnia e il colore della pelle vanno molto oltre i limiti standard del nero, bianco e giallo.
Dass ha pensato quindi di avvalersi del codice Pantone, diventato ormai lo standard internazionale per la catalogazione dei colori in numerosi ambiti, dall’industria passando dalla chimica fino ad arrivare al settore della moda, per catalogare tutti i possibili toni esistenti delle pelle umana.
Il progetto raccoglie fotografie di primissimi piani il cui sfondo è della tonalità Pantone esatta della pelle del soggetto fotografato. L’artista in pratica fotografa i suoi modelli, seleziona un campione 11×11 pixel della loro pelle stabilendone così la corrispondenza con il codice Pantone che diventerà il nome associato alla foto.
Il progetto è stato promosso sui social e Angélica è riuscita a scattare più di 200 ritratti viaggiando per il mondo per selezionare i soggetti più adatti alla sua ricerca.

Un Corpo, 18 Ideali di Bellezza Diversi: Come Cambia la Bellezza nel Mondo

Un Corpo, 18 Ideali di Bellezza Diversi: Come Cambia la Bellezza nel Mondo

Angélica è una giovane artista originaria di Rio de Janeiro, è cresciuta in una famiglia multiculturale e durante la sua vita è stata spesso bersaglio di discriminazione razziale per il colore della sua pelle.

Ogni volta che scatto una foto per me è come essere ad una seduta di terapia. Tutta la frustrazione, la paura e la solitudine che ho sentito si trasforma in amore

Con il suo progetto Humanae Angélica Dass vuole dimostrare che siamo tutti innumerevoli sfumature della stessa tavolozza, un mosaico multicolor di cui tutti facciamo parte con lo stesso grado di importanza, senza limiti né barriere.

Per saperne di più: Angélica Dass