logo
Galleria: “Mastectomy”: “Siamo vive, belle e forti anche senza un pezzo”

“Mastectomy”: “Siamo vive, belle e forti anche senza un pezzo”

"Mastectomy": "Siamo vive, belle e forti anche senza un pezzo"
Foto 1 di 25
x

Un simbolo di forza di volontà, coraggio e soprattutto vita: ecco come si presentano le quattordici donne che hanno preso parte al progetto della fotografa inglese 39enne Ami Barwell. Donne con corpi e sguardi totalmente diversi uno dall’altro ma con un’importante cosa in comune: l’essere ancora in vita dopo aver combattuto duramente il cancro al seno con una dolorosa mastectomia. E Mastectomy non è quindi solo il nome con cui la fotografa ha voluto racchiudere tutte quelle immagini ma è un vero e proprio simbolo di chi ce l’ha fatta, nonostante il duro percorso e le cicatrici indelebili sulla propria pelle.

La lingerie per donne sopravvissute al tumore al seno

La lingerie per donne sopravvissute al tumore al seno

Non c’è vergogna dietro gli occhi di queste donne, nessun imbarazzo o disagio nel posare senza veli davanti alla macchina fotografica di Ami Barwell ma solo una felicità immensa di poter ancora essere ancora al mondo e di far parte di un progetto ben più grande di semplici fotografie scattate per diletto. Gli scatti raffiguranti queste coraggiose guerriere verranno infatti utilizzati per la campagna Stand Up To Cancer, una raccolta fondi indetta dalla fondazione Cancer Research UK e l’emittente televisiva britannica Channel 4 per inaugurare il mese di ottobre 2017 dedicato alla prevenzione del tumore al seno.