logo
Galleria: Melanie, top model nonostante la sua rara malattia genetica

Melanie, top model nonostante la sua rara malattia genetica

Melanie, top model nonostante la sua rara malattia genetica
Foto 1 di 16
x

Troppo spesso la nostra vita è condizionata dall’apparire e la realizzazione delle nostre ambizioni, delle aspirazioni e delle passioni che intendiamo coltivare è indissolubilmente legata all’idea che gli altri hanno di noi, a come il mondo esterno ci vuole.

Ci vogliono magre, alte, con i capelli splendenti e i lineamenti puliti, perché questo impone il mondo della moda, quello delle riviste patinate, adesso anche quello dei social, dove è un continuo fiorire di ragazze che mostrano le loro forme perfette (e pazienza poi se troppo spesso dimentichiamo che quella perfezione è data anche da sofisticati programmi di modifica delle immagini, e non solo da Madre Natura!) e che esibiscono fieramente fisici scolpiti o primi piani mozzafiato.

Melanie, però, ha scelto di non fermarsi a un’etichetta, di non sottostare a quello che la società improntata al culto dell’ “esteticamente perfetto” (peraltro inesistente) vorrebbe imporre, ed è andata avanti per la sua strada, riuscendo dove molte non sono neppure arrivate, perché quelle presunte regole di perfezione hanno minato la loro autostima.

Melanie Gaydos ha 28 anni ed è nata con una rarissima patologia genetica, la displasia ectodermica, che in realtà non è una singola malattia, ma piuttosto un gruppo di problematiche che derivano tutte da anomalie strutturali dell’ectoderma (uno dei tre foglietti embrionali dei triblasteri). Sono state identificate più di 150 differenti forme di DE, e nel mondo sono circa 7 mila le persone a cui è stata diagnosticata questa condizione, che colpisce denti, unghie, cartilagini e ossa, impedendo il loro corretto sviluppo.

Pur essendo stata stigmatizzata a causa della sua diversità, Melanie ha tirato fuori la grinta necessaria per andare avanti nel mondo che più le piaceva, quello dell’arte e della moda, diventando in effetti una modella e artista richiestissima dai fotografi più prestigiosi e con moltissimi fans sui social: sono circa 105 mila i followers su Instagram.

Insomma, la ragazza calva, senza unghie e denti e quasi completamente cieca ha buttato giù ogni tabù, dimostrando che il coraggio e la tenacia vengono ripagati, anche quando si pensa possa essere impossibile. Un po’ come è accaduto a Chantelle, derisa da ragazza per la vitiligine e poi diventata un top model, anche se chiaramente qui si parla di tutt’altro.

La Storia di Chantelle, affetta da Vitiligine: "Mi chiamavano Mucca, Ora Sono una Top-Model"

La Storia di Chantelle, affetta da Vitiligine: "Mi chiamavano Mucca, Ora Sono una Top-Model"

Sono questi gli esempi che ogni donna dovrebbe davvero seguire per ricordarsi di fare di tutto per raggiungere i propri obiettivi, e non quelli falsamente perfetti imposti da chi ci vorrebbe solo magrissime, altissime e con i capelli lunghissimi.

Forza Melanie!