Perché scolpire il proprio volto durante l'orgasmo? La parola al'artista-RDN

Scolpisce il suo volto nel momento dell'orgasmo. "Ecco perché l'ho fatto"

Scolpisce il suo volto nel momento dell'orgasmo. "Ecco perché l'ho fatto"

Fonte: luigirodriguezart.com

Foto 1 di 11
Ingrandisci

Cosa si nasconde dietro la mente di un artista che scolpisce l’orgasmo?

Nel caso del venezuelano Luigi Rodriguez, è più corretto chiedersi cosa si nasconde nella mente di un artista che scolpisce il proprio orgasmo. Alla ricerca di se stesso, della vera identità, della profondità del proprio “IO” e di quello delle persone. La scultura presente in questa gallery, vista da ogni prospettiva, prende il nome di We Come as we are, letteralmente veniamo come siamo.

L’idea dietro l’opera è il pensiero del Rodriguez che ritiene il momento dell’orgasmo l’attimo per eccellenza, quello in cui le persone si mostrano in tutta la loro purezza e verità, liberandosi di paure, inibizioni, preconcetti e dettami della società civile. Con l’orgasmo si torna a come siamo, ad uno stato selvaggio in cui non ci si preoccupa del giudizio altrui.

Luigi Rodriguez ha realizzato questa magnifica scultura surrealista riproducendo il proprio volto durante l’orgasmo, ama le opere di forte impatto e anche questa volta è riuscito nell’intento di sorprendere e stupire. Oggi risiede a Madrid e si dedica a diverse arti, dalla scultura alla pittura fino ai lavori di collage, esplorando continuamente il concetto d’identità.

Curiose le foto in cui l’artista si immortala accanto alla sua scultura, la sua copia durante l’orgasmo… che dire: una doppia soddisfazione!

Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...