Come Willow Smith ha spiegato alla madre e alla nonna il suo poliamore

Willow Smith ha dichiarato di abbracciare il poliamore e lo ha fatto in una conversazione con la mamma e la nonna, durante il talk show che con loro conduce. Il risultato è un sincero e aperto dialogo tra generazioni di cui oggi abbiamo bisogno.

Willow Smith, la figlia di Jada Pinkett e Will Smith, ha annunciato di essere poliamorosa. Lo ha fatto durante un episodio di Red Table Talk, il talk show che conduce insieme alla madre e alla nonna, Adrienne Banfield-Norris, in cui ha dichiarato di apprezzare la libertà che il poliamore concede.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Red Table Talk (@redtabletalk)

Questo sono le parole dell’attrice e cantante 20enne in merito:

Con il poliamore, sento che il fondamento principale è la libertà di essere in grado di creare uno stile di relazione che funziona per te e non solo entrare nella monogamia perché questo è ciò che tutti intorno a te dicono che è la cosa giusta da fare.

Una scelta, la sua, dettata dal desiderio di vivere le relazioni in modo completamente libero, senza il vincolo e il condizionamento delle convenzioni sociali, che ancora oggi tendono a privilegiare e considerare meritevole di essere vissuto solo un certo tipo di relazioni, quelle monogame e in progressione lineare, destinate cioè a solidificarsi nel tempo ed essere suggellate da precisi step e “momenti” istituzionali.

Scala mobile relazionale, l'"amore vero" non è per forza e "per sempre" lineare

Inoltre, la figlia minore dell’attore di Willy, Il Principe di Bel-Air ha anche parlato di come all’origine del suo pensiero vi sia anche un’altra considerazione: il fatto che la ragioni principali che portano alla fine di una relazione monogama o del matrimonio sia l’infedeltà.

Distante dalla sua posizione è la nonna 67enne, che ritiene invece come il poliamore, nella sua ottica, finisca per ridursi principalmente al sesso: “Sembra davvero tutto incentrato sul sesso”, dice la donna.

Un’argomentazione che Smith però cerca di smentire: “In realtà, è proprio questo uno dei motivi per cui mi sono interessata al poli: perché mi è stato presentato attraverso una specie di “lente” non sessuale. Nel mio gruppo di amici, sono l’unica persona poliamorosa, e faccio meno sesso di tutti i miei amici”.

Più comprensiva, invece, la madre, Jada Pinkett-Smith, che così si esprime riguardo alla relazione poliamorosa:

Penso che tutto sia concesso, purché le intenzioni siano chiare. E so che c’è molta bellezza che si trova al di fuori delle “scatole convenzionali”.

L’attrice 49enne si è mostrata piuttosto libera in tema di sesso e relazioni, dicendo che non si stupirebbe di vedere la figlia infatuarsi e iniziare una relazione con una donna, oltre a svelare di aver provato lei stessa durante la sua giovinezza attrazione per due donne.

Al di là delle posizioni esposte durante il talk show, risulta apprezzabile e significativo il messaggio che viene veicolato: la libertà, cioè, di affrontare temi, spesso considerati tabù, in modo aperto e senza condizionamenti, timori o imbarazzi, con genitori e persone di differenti generazioni, per instaurare e promuovere un dialogo virtuoso tra mondi non di rado troppo distanti.

Dl resto, Willow ha sempre usato la sua voce e la sua fama per esprimere le sue idee e la rivendicazione di un pensiero inclusivo, sincero e completamente libero dagli schemi.

Nonostante la giovane età, infatti, la figlia minore di Will Smith continua ad avere le idee molto chiare: sa perfettamente cosa le interessa e per cosa valga la pena lottare e si considera una femminista contemporanea, una “femmina nera del XXI secolo” che non ha bisogno che qualcuno le indichi la strada, sa trovarla benissimo da sé, come ha chiarito nel corso di un’intervista a Refinery 29:

Sono una femmina nera nel XXI secolo. Il mio colore preferito non è il rosa, è il nero. Non sono ossessionata dal fatto di sposarmi o di avere figli. Le regole di genere mettono le persone in scatole e non consentono loro di realizzare veramente il loro pieno potenziale di essere umano.

Quelle parole di Lenny Kravitz alla figlia Zoë, sulla copertina di Vogue

Facile, verrebbe da dire, con due genitori come Jada Pinkett-Smith e Will Smith… E invece il bello sta proprio qui, sta esattamente nel fatto che Willow, a differenza di molti altri “figli di papà” suoi coetanei o poco più, non è una bambolina viziata con genitori costantemente disposti ad assecondarne capricci e velleità del momento.

Probabilmente la ragazza si sarebbe fatta strada anche da sola, lavorando con le proprie mani, perché la grinta (quella sì, ereditata senza ombra di dubbio da mamma e papà), l’abnegazione, la passione per la vita e quella sana curiosità tipica dell’adolescenza, applicata però a temi di cui gran parte dei diciottenni si preoccupano poco o nulla, l’avrebbero senz’altro spinta a grandi cose.

Will Smith e la paura di diventare padre nel ricordo della violenza subita da piccolo

Si sperimenta, Willow, gioca con se stessa, e non solo dal punto di vista estetico, con un look e uno stile che definire “bizzarri” e personali non rende bene l’idea. Ha giocato con la sua immagine, e con ciò che voleva essere, praticamente da quando era bambina, cercando di comprendere quale veste le stesse meglio addosso, se quella di attrice, di cantante o di chissà cos’altro ancora. Del resto, i geni sono quelli, è innegabile, il set è stato praticamente la sua culla, il pubblico la sua “famiglia allargata”.

Eppure, di Willow Smith non possiamo dire che abbia avuto la strada spianata: certo, ha avuto una direzione, è stata indirizzata al mondo dello spettacolo praticamente da quando è venuta a mondo, nel 2000. Se si pensa che ha esordito in Io sono leggenda al fianco del padre che aveva appena sette anni, si capisce che il suo mondo sarebbe stato quello, ma crescendo si è scelta da sola il suo percorso, anche discostandosi da quello che invece accomuna il resto della famiglia.

Oggi è una giovane, anzi giovanissima donna fiera, del suo colore di pelle, del suo essere femminile, ma soprattutto del suo essere indipendente, determinata e libera; una donna che ha ammesso di essere bisessuale e di credere nel poliamore, ma che ha avuto anche dei momenti bui, che ha avuto il coraggio di confessare recentemente in diretta nazionale, davanti a mamma e nonna, come vi spieghiamo in gallery.

Come Willow Smith ha spiegato alla madre e alla nonna il suo poliamore
Fonte: instagram @willowsmith
Foto 1 di 16
Ingrandisci

Articolo originale pubblicato il 31 Ottobre 2017