Evan Rachel Wood sulla bisessualità: "In un mondo che vuole cambiarci, restiamo noi stessi"

In occasione della consegna del premio Human Rights Campaign Visibility Award, l'attrice statunitense ha parlato della sua bisessualità e di come sia riuscita ad arrivare a questa consapevolezza.

Next video

Le parole di Pink alla figlia: "Noi non cambiamo, trasformiamo la sabbia in perle"

Clear

Ritenuta ancora un tabù e spesso stigmatizzata, la bisessualità è un tema ancora poco discusso.
Oggigiorno, si parla tanto di omosessualità, è vero, ma spesso senza analizzare nel profondo le diverse sfaccettature che essa può avere al suo interno e in ogni singola persona.

Nel febbraio 2017, Evan Rachel Wood (attrice e protagonista dell’acclamata serie tv Westworld), ha ritirato il premio per la Human Rights Campaign Visibility Award e, approfittando di tale occasione, ha deciso di parlare apertamente della sua bisessualità.

Per chi la conosce o la segue, è dal 2011 che l’attrice ha fatto coming out e da tale momento in poi è divenuta paladina nonché portavoce di tutta la comunità LGBT. La donna, però, non è stata la sola che ad aver fatto coming out in questo ultimo periodo, come ci mostra questa gallery:

Le 20 star lesbiche o bisessuali più famose di Hollywood e non solo
21

Durante il suo lungo e toccante discorso, la Wood ha esplorato i diversi aspetti della sua vita che l’hanno portata alla consapevolezza della sua sessualità, partendo dall’infanzia:

Ci hanno insegnato a rispettare la paura più di noi stessi, ci hanno insegnato che quel silenzio ci avrebbe salvati. Ma non l’ha fatto.

Sono cresciuta come un maschiaccio a Raleigh, in North Carolina. Ho trascorso molto del mio tempo ad essere più ‘cool’ dei miei fratelli maggiori e correndogli attorno scalza. […] Non avevo idea che tutto ciò potesse essere considerato ‘diverso’ fino ai 12 anni quando ho sentito qualcosa che non riuscivo a spiegare.

C’era qualcosa che si bloccava in gola, che mi chiudeva lo stomaco, che mi seccava la bocca e mi accelerava i battiti. Ed era una cosa così semplici e anche così terrificante: pensavo che le donne fossero bellissime.

Avevo sempre pensate che fossero belle ma siccome ero nata in quel modo non mi ero mai fermata a pensare che fosse strano o qualcosa di aver paura.

Poi, crescendo, da adolescente che odiava parlare e derideva la comunità LGBT, ho istintivamente sepolto i miei sentimenti. Ho silenziato la mia voce perché pensavo che farlo mi avrebbe salvato.

Basti pensare al fatto che, secondo i dati raccolti nel 2019 sull’omofobia in Italia, più di un ragazzo LGBT è vittima di violenze da parte della famiglia, addirittura il 70% degli studenti della comunità viene bullizzato.

Idem per i casi di omofobia sul posto di lavoro, registrati al 12%. Solo una vittima su 60 pensa di denunciare la violenza subita. Gay Help Line ha raccolto nel 2018 20.000 richieste di utenti tra i 12 e 21 anni di età: in 400 di quei casi, erano riferiti casi di maltrattamento in famiglia.

Non è una novità neppure il fatto che l’Italia vanti un triste secondo posto tra i paesi europei in cui si registra maggiore violenza verso la comunità LGBT.

“Non ho nulla contro i gay ma”: a che posto è l’Italia nella classifica dei Paesi omofobi

In più c’era parecchia confusione riguardo ai miei sentimenti dato che ho iniziato a pensare che anche gli uomini fossero belli – continua il discorso dell’attrice – E non avevo idea di come tradurre in parole quello che sentivo.

Così l’unica cosa che sapevo era di essere confusa,  spaventata e sola. Come puoi essere te stessa quando non riesci a capire cosa provi?
Avevo vergogna di quello che sentivo e di come mi identificavo. […]

La sofferenza è come un gas. Se un gas viene pompato in una camera vuota, la riempie completamente. Non importa quanto sia grande. La sofferenza riempie del tutto l’anima e la mente, sia che essa sia grande o piccola.

Crescendo, continua Evan Rachel Wood, è arrivata  a provare attrazione non solo verso le donne, ma anche verso gli uomini. Cosa che, per altro, ha fatto crescere la confusione nella sua mente, poiché non conosceva alcun modo per definire questo suo stato d’animo.

Fu proprio sentir pronunciate parole come “bisessuale” a darle speranza e aiutarla nella consapevolezza del suo orientamento sessuale (nonché, quindi, della vera se stessa).

Ringrazia la musica, i film, le parole di coloro che prima di lei hanno portato avanti queste necessarie compagne contro la discriminazione sessuale. Tutto ciò che, nonostante un passato costellato di violenze sessuali e tentati suicidi, l’ha tenuta stretta alla vita.

Infine, l’attrice termina il suo intenso discorso con una sorta di augurio verso il futuro e verso tutti coloro che ancora nascondono il proprio orientamento sessuale:

Fatevi vedere, create speranza. Le parole contano. La tua parola conta. Conta come le usate e perché le usate.

Essere nessuno ma te stesso in un mondo che fa del suo meglio per fare di te qualcuno di diverso significa combattere la battaglia più dura che tu possa combattere.

Non smettete mai di lottare.

La discussione continua nel gruppo privato!