Come sarebbero i disturbi mentali se potessimo vederli - Roba da Donne

Come sarebbero le malattie mentali se si potessero vedere

Come sarebbero le malattie mentali se si potessero vedere
Fonte: CSPhotography
Foto 1 di 15
Ingrandisci

Il dramma delle malattie mentali è che non puoi vederle. Chi le ha, molto spesso, cerca il più possibile di nasconderle e ricacciarle dentro di sé nel timore di perdere le persone che ha attorno.

Purtroppo questo genera un circolo vizioso: se si soffre di un disturbo psichico, parlare aiuta sempre. Avere costantemente a che fare con chi “non vede”, invece, fa male ed è pericoloso. Sia nel caso in cui sono le persone che stanno male a nascondersi, sia nel caso in cui sono gli altri che non vogliono (o non sanno) vedere.

Per questo è importante che tutti riescano a comprendere in cosa consistono disturbi come l’anoressia, l’ansia o la depressione. Soffrire di queste malattie mentali significa spesso andare incontro a persone che sottovaluteranno e non capiranno: per molti l’anoressia è un capriccio da vanitosa, l’ansia una cosa passeggera che si risolve semplicemente “calmandosi” (come se fosse facile!), la depressione un momento in cui si è “un po’ giù“.

Per fortuna in molti casi ci viene incontro l’arte, che spesso ha provato a spiegare in modo semplice i disordini psichici. Le parole possono fuorviare ed essere complicate, ma niente è chiaro e come un disegno o una fotografia.

18 disegni mostrano il dramma delle malattie mentali. Solo chi ne ha sofferto può capirli
19

Il fotografo Christian Sampsong (che nel sito non dice dove lavora o da dove viene, ma in compenso ci accoglie con un “welcome to my mind) ha cercato di ritrarre 14 malattie con foto surreali, in bianco e nero e dal forte impatto emotivo. Le dipendenze come dei legacci che non ci lasciano liberi, la depressione come la sensazione di affogare e non poter urlare per farci sentire, la demenza come un’entità fumosa che brucia i nostri ricordi. Guardarle può essere utile non solo per chi soffre di una di queste malattie, ma per tutti.