La blogger: "Perché non dovresti credere a cosa vedi su Instagram"

La blogger: "Perché non dovresti credere a cosa vedi su Instagram"
Fonte: Instagram @ saggysara
Foto 1 di 11
Ingrandisci

Quando guardiamo le foto delle altre su Instagram, a volte veniamo prese dallo sconforto. Magari vediamo un abito che fa parte anche del nostro guardaroba addosso a un’altra ragazza e finiamo per essere tristi pensando a quanto non ci stia bene allo stesso modo. Così una blogger ventenne, Sara Puhto ha voluto parlare proprio di quest’argomento.

La bellezza idilliaca che il web ci mostra non è la realtà, ma cosa significa davvero essere bella?

Sara ha accostato sul suo profilo Instagram delle immagini particolari: sono la stessa persona rivista da una diversa angolazione oppure con l’utilizzo di Photoshop. È in questo modo che il mondo di Instagram ci appare patinato, irraggiungibile e talvolta ci fa sentire tristi. La blogger ha anche aggiunto una chiosa per spiegare al meglio il suo punto di vista: il fatto di sentirsi a proprio agio con il proprio corpo non deve essere inquinato dai modelli che la società ci impone.

Capezzoli social: questo account dimostra che la censura di Instagram è sessista
11

Instagram vs vita vera. Se avessi visto la foto sulla sinistra un anno fa, avrei pensato all’istante cose così negative sul mio corpo, che tutto il mio lavoro duro in palestra fosse inesistente, che se qualcun mi guardare non penserebbero mai che vado in palestra da 2 anni e crederebbero che non ci stia provando abbastanza. Ma la verità è che tutti i corpi sembrano diversi. Nessun fondoschiena sembra rotondo e a forma di pesca da tutte le angolazioni. Il corpo di nessuno sembra lo stesso da tutti gli angoli. Non mangiate meno o non perdetevi il vostro piatto o drink preferito, né esercitatevi troppo per apparire meglio per una ricorrenza o nelle foto in bikini, perché ci saranno sempre angoli che sono antiappiattenti che ti possano far sentire male quando li vedi. Invece fate palestra e mangiate sano, ché vi da sentire bene, non è una punizione. Iniziate ad amare e accettare il vostro corpi con tutti i suoi difetti, invece di provare a entrare nell’immagine della bellezza secondo la società, perché quell’immagine non è inclusiva di tutti gli individui, ed è un casino. Non odiatevi per una brutta foto, non vi definisce come persona. Apparite al meglio quando state vivendo una vita piena e felice. Non c’è guadagno a perdersi delle cose o a stressarsi così tanto. La vita non è una competizione su chi sembra meglio e dovremmo normalizzarci non sull’avere un look perfetto sempre, perché è un concetto ridicolo. Voi siete perfette nel modo in cui siete fatte.

Articolo originale pubblicato il 2 Agosto 2017