diredonna network
logo
Stai guardando: Un padre si inventa il modo per far giocare a calcio il figlio paralizzato: la reazione del ragazzo è emozionante

Mi aiutate a scegliere il mio abito da nozze: A, B, C o D?

Desigual sceglie la modella con la cellulite: zero Photoshop, zero complessi

Tutti pazzi per le scarpe piccione con il tacco

Strage di Manchester: quando il terrore non spezza l'umanità

Gli aperitivi per vere signore: Mimosa e Bellini

Che mondo sarebbe senza Nutella... bianca (e come prepararla)

"Come si diventa (davvero) travel blogger mollando un lavoro noioso a tempo indeterminato"

Ora anche Ken ha tanti nuovi corpi e look diversi

Kate e William: "E vissero felici e contenti"... Forse

Questa ragazza dice di essere la sosia di Emma Watson

Un padre si inventa il modo per far giocare a calcio il figlio paralizzato: la reazione del ragazzo è emozionante

Ciò che a noi sembra a volte scontato, per molte altre persone non lo è affatto. Come camminare, ad esempio, o tirare un calcio ad un pallone. Ecco cosa ha inventato questo straordinario papà per riuscire finalmente a vedere il figlio paralizzato in piedi. Una storia davvero bella, e la reazione del bambino è meglio di qualsiasi altra parola.

Prossimo video

Bambini "confusi" alle prese con il telefono di una volta: le reazioni in un video

Annulla

La storia di questo papà straordinario è una di quelle che noi amiamo raccontare perché riteniamo giusto che le altre persone ne vengano a conoscenza, e perché il gesto di questo uomo, che a lui sarà sembrato naturale, ovvio, deve essere condiviso.

Suo figlio è paralizzato, e tutto quello che ai nostri occhi appare come la cosa più elementare del mondo, ossia camminare, per lui rappresenta una chimera. Non potrà mai farlo, né tantomeno, ovviamente, potrà mai calciare un pallone. Ma il padre, che vede chiaramente la vita e la voglia di viverla appieno negli occhi vivaci del ragazzo, non si rassegna all’idea di non potergli offrire la gioia e la spensieratezza di giocare a calcio con gli altri, così si ingegna, si informa, studia, poi chiede aiuto alle persone giuste: il Firefly team, che si occupa proprio di progettare supporti posturali per bambini e ragazzini con difficoltà o handicap motori. L’azienda fornisce al papà un oggetto che si chiama Upsee, costituito da una semplicissima cintura, che lui deve legare in vita, collegata ad un giubbotto che deve essere indossato dal bambino, e da un doppio paio di speciali scarpe, unite, un paio per i suoi piedi ed uno per quelli del figlio. Grazie a questo miracoloso aiuto il padre è finalmente riuscito a dare al proprio ragazzo la possibilità di stare in piedi, di muovere dei passi, persino di poter provare a rincorrere un pallone. E la reazione del ragazzino, che per la prima volta in vita sua capisce cosa tutto questo significhi, fa salire davvero le lacrime agli occhi.

Un padre, un uomo che dalle difficoltà che la vita gli ha posto loro davanti ha imparato a trarre la forza, il coraggio, la volontà di andare avanti, di rendere le cose il più facile possibile per quei ragazzi a cui, incolpevolmente, è stata riservata un’esistenza più in salita rispetto agli altri.

Sì, i papà eccezionali esistono davvero, e questo è sicuramente uno di loro. Bravo!

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...