diredonna network
logo
Stai guardando: Ha un tumore al cervello: “Mi chiamano disabile, ma non è una brutta cosa”

Bello e dannato: ecco perché ci piace Jason Momoa!

5 motivi per amare Chris Hemsworth

Chelsea Manning, l'ex talpa di Wikileaks ha cambiato sesso e posa in costume su Vogue

Il rap non ha età: il ballo della coppia di anziani è virale

Anziano con femore rotto striscia nella corsia dell'ospedale per protestare

Shannen Doherty: il ritorno alla vita dopo il cancro

Pagati per bere whisky e girare il mondo: ecco l'offerta di lavoro

"Mi vuoi sposare?": l'emozionante proposta di Eleonora a Stefania di m2o

15 immagini che solo chi ha avuto un coinquilino può capire

Ta-Ta Towel, perché l'asciugamano per le tette non è ridicolo come sembra

Ha un tumore al cervello: "Mi chiamano disabile, ma non è una brutta cosa"

Lewis Hine, il ragazzo disabile che ha subito tredici interventi chirurgici e ha fondato un progetto per bambini e ragazzi malati

Prossimo video

Come fare dei dolcissimi cuori di millefoglie con la Nutella

Annulla

Lewis Hine, è un adolescente britannico di sedici anni che convive con la sua malattia da sempre. A 17 mesi gli è stato diagnosticato un tumore al cervello e da allora ha subito tredici interventi chirurgici che lo hanno costretto a vivere gran parte della sua vita in diversi ospedali.
Per celebrare il suo sedicesimo compleanno ha deciso di realizzare questo video in cui racconta la sua storia dagli albori della sua malattia fino ad oggi.

La mia vita è una sfida ma sono disposto ad accettarla.
Le persone dicono che sono disabile come se fosse una brutta cosa, ma io dico che sono fortunato: la disabilità non è una brutta cosa ma il non parlarne lo è.

Lewis ha inoltre fondato un progetto chiamato Friends Finder, rivolto a tutti i bambini e ragazzi che, come lui, sono costretti a saltare giorni di scuola per colpa della loro malattia. La fondazione ha come scopo quello di condividere esperienze e fare amicizia in un luogo dove non c’è emarginazione.

In poco tempo, il suo video ha commosso milioni di persone arrivando a sfiorare le decine di milioni di visualizzazioni. La sua emozionante storia è arrivata perfino al cuore di un celebre cantautore britannico, Elton John, il quale non ha esitato a contattare il ragazzo e a complimentarsi con lui per il coraggio con cui ha affrontato la malattia.

Ho visto il tuo video, mi hai fatto piangere. Sei stato una fonte di ispirazione per me.

Questa è la dichiarazione che la star avrebbe rilasciato secondo la BBC. Il ragazzo ha raccontato, ovviamente emozionato, la telefonata dicendo che Elton John si sarebbe detto fiero nel sapere che c’è qualcuno che si preoccupa dei bambini malati e cerca di cambiare le cose per loro.

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...