diredonna network
logo
Stai guardando: Ha un tumore al cervello: “Mi chiamano disabile, ma non è una brutta cosa”

Seno: 23 risposte a 23 domande che sicuramente vorresti sapere

Mi aiutate a scegliere il mio abito da nozze: A, B, C o D?

Desigual sceglie la modella con la cellulite: zero Photoshop, zero complessi

Appassionata di corsa? Mai provato a fare jogging in acqua?

Tutti pazzi per le scarpe piccione con il tacco

Cosa dice il modo in cui ti siedi sulla tua personalità

Ha aperto il primo Mermaid Cafè, per appassionate di sirene

Tradizionali biscotti al latte per una dolce colazione

Gustosi Nutellotti con granella di gianduia. Che mondo sarebbe senza?

Da Antonella Elia a Guglielmo Scilla: ecco i nomi dei nuovi concorrenti di Pechino Express

Ha un tumore al cervello: "Mi chiamano disabile, ma non è una brutta cosa"

Lewis Hine, il ragazzo disabile che ha subito tredici interventi chirurgici e ha fondato un progetto per bambini e ragazzi malati

Prossimo video

Come fare dei dolcissimi cuori di millefoglie con la Nutella

Annulla

Lewis Hine, è un adolescente britannico di sedici anni che convive con la sua malattia da sempre. A 17 mesi gli è stato diagnosticato un tumore al cervello e da allora ha subito tredici interventi chirurgici che lo hanno costretto a vivere gran parte della sua vita in diversi ospedali.
Per celebrare il suo sedicesimo compleanno ha deciso di realizzare questo video in cui racconta la sua storia dagli albori della sua malattia fino ad oggi.

La mia vita è una sfida ma sono disposto ad accettarla.
Le persone dicono che sono disabile come se fosse una brutta cosa, ma io dico che sono fortunato: la disabilità non è una brutta cosa ma il non parlarne lo è.

Lewis ha inoltre fondato un progetto chiamato Friends Finder, rivolto a tutti i bambini e ragazzi che, come lui, sono costretti a saltare giorni di scuola per colpa della loro malattia. La fondazione ha come scopo quello di condividere esperienze e fare amicizia in un luogo dove non c’è emarginazione.

In poco tempo, il suo video ha commosso milioni di persone arrivando a sfiorare le decine di milioni di visualizzazioni. La sua emozionante storia è arrivata perfino al cuore di un celebre cantautore britannico, Elton John, il quale non ha esitato a contattare il ragazzo e a complimentarsi con lui per il coraggio con cui ha affrontato la malattia.

Ho visto il tuo video, mi hai fatto piangere. Sei stato una fonte di ispirazione per me.

Questa è la dichiarazione che la star avrebbe rilasciato secondo la BBC. Il ragazzo ha raccontato, ovviamente emozionato, la telefonata dicendo che Elton John si sarebbe detto fiero nel sapere che c’è qualcuno che si preoccupa dei bambini malati e cerca di cambiare le cose per loro.

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...